Comunicato Stampa. SS. 16 TRONCO BARI-MOLA DI BARI. VARIANTE NEL TRATTO COMPRESO TRA BARI E MOLA DI BARI. LA POSIZIONE DEL COMUNE DI TRIGGIANO.

   La presente per comunicare che, a seguito dell’ultimo incontro tenutosi in data 29.11.2019 presso il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture in ordine all’opera pubblica in oggetto indicata, sento il dovere di ribadire con puntualità la posizionedelComune di Triggiano.

   Tanto, soprattutto in considerazione di alcune notizie di stampa che descrivono gli esiti degli incontri tenutisi fino a oggi in maniera non del tutto conforme alla realtà, in speciale misura riguardo alla posizione del Comune di Triggiano, il quale, è bene evidenziarlo, non ha fornito alcun assenso definitivo alla proposta formulata.

   Riavvolgendo il nastro delle interlocuzioni poste in essere, si evidenzia che, nell’incontro del 13.11.2019 presso il M.I.T., il Comune di Triggiano ha preso atto della posizione definitiva del Ministero, condivisa da Città Metropolitana, Regione Puglia, Città di Bari e Comune di Mola di Bari, di licenziare il percorso individuato come soluzione «C», gravemente lesivo e impattante per il nostro territorio.

   Su sollecitazione dello stesso Ministero, in data 26/11/2019, si teneva un incontro presso la sede dell’Anas di Bari, cui partecipavanola Regione Puglia, la Città Metropolitana e i comuni di Bari,Mola di Bari e Triggiano, all’esito del quale si prendeva ulteriormente atto dell’indefettibilità del percorso «C», ritenuto una sorta di «corridoio» che attraversa i territori dei comuni interessati, con possibilità di «orientarlo» a seconda delle specifiche esigenze.

   Da ultimo, nel corso dell’incontro tenutosi al M.I.T. lo scorso 29 novembre c.a., al quale prendevano parte i rappresentati istituzionali dei comuni di Bari, Triggiano, Noicattaro Mola di Bari e Anas, veniva ulteriormente ribadita la soluzione «C», con possibilità di «orientamento» in adesione alle specifiche esigenze territoriali, anche a seguito di un’apposita istanza del comune di Noicattaro.

   Fatta tale doverosa premessa, il Comune di Triggiano intende chiarire la propria posizione in merito all’opera pubblica in oggetto.

   Preso atto della «definitività» della soluzione «C», tra quelle proposte da Anas sin dal mese di aprile 2019, con possibilità di piccoli «aggiustamenti» territoriali, la valutazione di impatto territoriale per il Comune di Triggiano conduce a un giudizio negativo per la particolare invasività in termini urbanistici e ambientali.

   Va sottolineato che presso l’Ente è stato avviato un dibattito, condiviso con tecnici e parti sociali,per individuare un percorso da proporre e condividere con gli altri soggetti istituzionali coinvolti nel progetto, cui dovrà necessariamente legarsi un ripensamento dello sviluppo urbanistico del paese che, alla luce dell’opera infrastrutturale, così come attualmente ideata, dovrà necessariamente essere oggetto di una profonda rivisitazione e di un accurato studio.

   Sono, inoltre, al vaglio proposte finalizzate alla compensazione del cospicuo consumo di suolo nel territorio di Triggiano e del conseguente danno ambientale.Ragioni per cui, il Comune di Triggiano, al tavolo riconvocato per il giorno 19 dicembre c.a. presso la Regione Puglia, non potrà avallare la scelta della soluzione «C», così come individuabilea «maggioranza» dei soggetti coinvolti, senza un impegno formale e condiviso sulle modifiche dei piani urbanistici e delle opere compensative.

Triggiano, 3 Dicembre 2019

IL SINDACO

Dott. Antonio Donatelli

Scarica il comunicato in formato pdf

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter